La new entry 2018: l’Atletica Stezzano

L’associazione sportiva dilettantistica «Atletica Stezzano» è la più giovane società tra le organizzatrici del Fosso, nonché l’ultima arrivata. Debutterà con la propria tappa del circuito il prossimo 8 giugno e sarà il settimo appuntamento del Criterium, tra le gare di Torre Boldone e Treviglio.

La nascita del gruppo

Il gruppo si è costituito ufficialmente nel 2012 ad opera di quattro atleti già impegnati nel mondo dell’atletica ma militanti in differenti società: si tratta di Vladimir Maffeo, attuale presidente del gruppo, Davide Licari, vicepresidente, Giovanni Nozza e Manuel Maffeo. I quattro amici, intuendo la possibilità di dare vita a qualcosa di nuovo, hanno fondato l’associazione «Asd Stezzano».
A raccontarne la genesi è stato l’attuale presidente, Vladimir: «La sfida che abbiamo intrapreso nel 2012 è stata grande, sia perché sul nostro territorio ci sono già importanti gruppi podistici, sia perché raccogliere iscrizioni e fondi per una società che nasce dal nulla non è mai facile. La nostra passione e anche un pizzico di tenacia, però, ci han dato la forza per andare avanti e vincere le difficoltà iniziali, creando un gruppo solido e desideroso di crescere ancora».
L’esperienza delle due colonne portanti del gruppo, Vladimir Maffeo e Giovanni Nozza, che per anni hanno militato nelle categorie Fidal, è servita al resto del gruppo, creando sin dagli esordi dell’Atletica Stezzano un nucleo coeso di appassionati, che ancora oggi è il cuore e la forza di questa associazione.

Il presidente dell’Atletica Stezzano, Vladimir Maffeo.

L’organizzazione della “StraStezzano”

La prima importante occasione di mettersi alla prova anche come organizzatori viene data agli atleti di Stezzano nel 2015, quando il centro commerciale Le due Torri li contatta per affidare loro l’organizzazione della seconda camminata non competitiva “StraStezzano”: armati di determinazione e buona volontà, i runners di Stezzano si cimentano nell’impresa e stabiliscono che il loro impegno sia volto a un fine sociale. Nasce da qui l’iniziativa «Corriamo per loro», una raccolta fondi unita alla marcia non competitiva che ne devolve il ricavato alla ricerca medica e alle associazioni di volontariato presenti sul territorio.
Con un pizzico di fortuna e tanto impegno, la “StraStezzano” riscuote sempre maggiore successo, passando dai 2000 partecipanti del 2015 ai quasi 4000 dell’edizione 2018. Con i numeri crescono anche le donazioni, tanto che l’Atletica Stezzano ha con orgoglio annunciato di esser riuscita a devolvere in beneficenza fino ad ora ben 30mila euro: «Non è solo merito nostro – ha dichiarato Vladimir – Per tutto questo dobbiamo ringraziare i nostri iscritti, i volontari che ci supportano e gli sponsor che ci aiutano ogni anno».

Gli atleti di Stezzano.

L’adesione al Fosso

Da quest’anno, però, per gli atleti dell’Atletica Stezzano non ci sarà solo la loro marcia non competitiva. Il gruppo ha infatti deciso di cimentarsi in un’ulteriore sfida entrando a far parte del circuito del “Fosso Bergamasco” 2018: «Si tratta di corse molto amate dagli appassionati, lo sappiamo perché anche diversi di noi, tra cui anch’io, hanno sempre partecipato – ha spiegato sempre Vladimir – Ogni gara è sempre combattuta e costituisce un grande evento. Con il sole o con la pioggia, sono sempre centinaia gli atleti che si sfidano dando il 200% per entrare in classifica. Per l’Asd Stezzano, dunque, è un grande onore essere stata chiamata a far parte di un circuito tanto prestigioso. L’organizzazione di una gara competitiva, per di più di questa portata, è sempre impegnativa. Le regole da rispettare e gli obiettivi da raggiungere non sono cosa facile, ma tutta la società si sta impegnando al massimo per far sì che anche questo evento sia un successo e si possa ripetere negli anni, puntando a migliorarci in ogni edizione».

Gli altri appuntamenti

Non hanno intenzione di fermarsi qui i runners di Stezzano: nell’autunno scorso, infatti, il gruppo ha intrapreso un percorso con l’obiettivo di portare anche chi si sente meno preparato fisicamente ad allenarsi all’aria aperta: «Abbiamo organizzato dei gruppi di cammino accompagnati da alcuni soci dell’Atletica per avvicinare quante più persone possibili al nostro sport e condividere con loro la nostra passione – ha spiegato Vladimir – Oltre a questo, molte altre sfide ci attendono per il futuro, siamo un gruppo giovane e intendiamo continuare a metterci alla prova. Sappiamo che non sarà facile e che non sarà sempre possibile ripetere i successi che ci hanno accompagnato fino ad oggi, ma possiamo garantire una cosa: da parte nostra non mancheranno mai l’impegno e la passione per far crescere questo nostro mondo di sport, fatica e sudore».
Non resta dunque che attendere l’8 giugno per conoscere questi ragazzi sul campo. Nel frattempo, il nostro Comitato organizzatore fa loro i suoi migliori auguri, nella speranza che possa concretizzarsi un rapporto stabile e duraturo all’insegna del comune amore per la corsa e per il Fosso Bergamasco.