La “Polisportiva oratorio Bariano”

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta del “Fosso Bergamasco 2018”. Conosceremo oggi la “Polisportiva Oratorio Bariano”, l’unica società che ha partecipato al “Fosso” dal 2000 ad oggi, senza interruzioni.

La nascita del gruppo

Le origini della “Polisportiva Oratorio Bariano” risalgono al 1992, anno di fondazione del “Gruppo Podistico Avis-Aido” di Bariano. Lo spirito d’esordio della società è quello di partecipare alle tapasciate domenicali e nelle iniziative sportive di Bariano, dove si organizza la marcia non competitiva “U gir per Barià”.
Il gruppo dà poi vita ad un altro appuntamento, una staffetta di sei ore basata su un percorso cittadino di 500 metri da percorrere per un’ora a testa. L’iniziativa è andata avanti per nove edizioni, dal 1992 al 2000, poi il “Gruppo Podistico Avis-Aido” ha intrapreso una nuova avventura: il “Fosso Bergamasco”.
Per vedere il volantino della prima edizione della “Sei ore” di Bariano del 1992 clicca qui.

Gli organizzatori della tappa di Bariano al termine dell’edizione del 2017.

L’adesione al “Fosso”

Come dicevamo, Bariano è stata una delle tre tappe fondatrici del “Fosso” insieme a Ciserano e Cologno al Serio.
La partecipazione del gruppo podistico di Bariano deriva dall’amicizia tra Gianluca Bertola, ideatore del Criterium, e Maurizio Cozzaglio, membro dell’allora “G. P. Avis-Aido” di Bariano: “E’ stato Gianluca a coinvolgermi – ha spiegato Maurizio, che ora è parte del Comitato Direttivo – Tra 1999 e 2000 ha maturato l’idea di un circuito di gare non competitive, una sorta di allenamento di gruppo in cui fossero premiati con premi in natura i primi tre al traguardo. Ha chiesto aiuto a me e Giacomo De Giorgi, dell’Atletica Cologno, per organizzare la prima edizione del “Fosso”, e insieme abbiamo scritto lo Statuto.
La prima edizione del “Fosso Bergamasco” ha compreso le nostre tre tappe, poi negli anni si sono aggiunte altre società e l’iniziativa ha preso il largo divenendo sempre più strutturata e competitiva. Il “Fosso” è nato nel 2000 come iniziativa di noi tre amici, ma ormai è diventato un punto fisso nel calendario di molti atleti. Noi di Bariano ci siamo sempre stati: dal 2000 con cento partecipanti ad oggi, che ci vedono con una media di 400 atleti a gara”.

Da sinistra Gianluca Bertola (Ciserano) e Maurizio Cozzaglio (Bariano)

Dal “G.P. Avis-Aido” alla “Polisportiva”

Il “Gruppo Podistico Avis-Aido” di Bariano è entrato a far parte della “Polisportiva Oratorio Bariano” nel 2011. Il gruppo della “Polisportiva” ha come presidente Ronnie Busetti, mentre il responsabile del gruppo podistico è Luigi Grasselli. Il gruppo conta circa 25 tra iscritti e simpatizzanti, e coopera con le altre società all’interno della polisportiva: pallavolo, basket, ciclismo, calcio, calcio a 5 e tennis da tavolo.
Da cinque anni a questa parte il “Gruppo Podistico Polisportiva Oratorio Bariano” organizza, da cinque anni a questa parte, la marcia non competitiva domenicale “Strabarià”, con percorsi di 5, 10, 14 e 20 km.

Gli atleti alla partenza della tappa barianese del "Fosso"

Gli atleti alla partenza della tappa barianese del “Fosso”

Il “Pasta Party” di Bariano

Una particolarità della tappa barianese del “Fosso” è il “Pasta Party”. Ogni anno gli organizzatori della manifestazione, con l’aiuto del gruppo Alpini e del loro chef d’eccezione Pippo, preparano e offrono agli atleti un piatto di pasta al pomodoro.
“Quest’anno saranno ben 40 i kg di pasta che prepareremo per gli atleti – ha dichiarato sempre Cozzaglio – Tutto questo grazie al nostro Pippo, una delle persone fulcro della manifestazione, che in tutti questi anni si è dedicato alla pasta e al sugo con porzioni veramente generose. Il Pasta Party è per tutti, sia per gli atleti che per gil accompagnatori, ed è tutto offerto dal gruppo organizzatore”.
“Un’altra nostra particolarità – ha concluso Cozzaglio – è che qui a Bariano oltre ai vari premi di categoria previsti dal regolamenti abbiamo anche due premi a sorpresa in memoria di due nostri amici atleti scomparsi, Angelo e Giovanni. Per questo motivo quando verrete a Bariano non scappate subito a casa. Mangiate un altro piatto di pasta e aspettate, potreste essere fortunati!”.

Il volontario Pippo di Bariano, mentre prepara il sugo al pomodoro per gli atleti del “Fosso”.