Il gruppo “Pantera Rosa” di Carobbio

Cominciamo oggi a presentare le società organizzatrici del “Fosso Bergamasco”. La prima a raccontarsi è stata la “Pantera Rosa” di Carobbio degli Angeli, che festeggia quest’anno l’undicesima edizione della sua tradizionale “Cinque Miglia degli Angeli”.

La storia del gruppo

Il gruppo “Pantera Rosa” è nato formalmente il 25 aprile 1977 e conta attualmente una quarantina di atleti iscritti e circa 15 soci sostenitori, pronti a dare una mano nel momento del bisogno. Il primo presidente è stato Fausto Duci, che dopo alcuni anni di pausa è tornato in carica negli anni scorsi.
“Ho fondato la società insieme al mio gruppo di amici – ha raccontato Duci – Inconsapevolmente abbiamo dato vita a qualcosa di molto più grande di noi e ci siamo imbarcati in questa avventura. Il nostro nome è un po’ particolare, e inizialmente i vari comitati CSI e FIDAL non lo accettavano perché ci consideravano un cartone animato, ma col tempo ci han preso un po’ più sul serio. Speriamo di fare qualcosa di buono sia in ambito sportivo che per alcune attività organizzate qui a Carobbio, manifestazioni per fare gruppo sempre attorno allo sport, che è un po’ il collante che ci unisce. Alla fine l’attività sportiva è il nostro primo obiettivo, ma si finisce sempre con le gambe sotto il tavolo”.

Da sinistra Felice Oberti, l’attuale presidente Fausto Duci e l’ex presidente Massimo Patelli durante la festa per i quarant’anni del gruppo.

La marcia non competitiva a Carobbio

Da quattro anni a questa parte la “Pantera Rosa” collabora con un gruppo di giovani di Carobbio nell’organizzazione di una marcia non competitiva, che quest’anno si svolgerà domenica 2 settembre : “Per noi il piacere non è solo partecipare alle manifestazioni che fanno gli altri – ha spiegato Duci – ma anche organizzare e darci da fare. E’ un impegno che soprattutto negli ultimi anni è diventato sempre più difficile, come succede in tante società e anche in altri sport purtroppo non è sempre facile trovare sponsor. Ad oggi ce l’abbiamo sempre fatta, speriamo di poter continuare così”.

L’adesione al “Fosso”

Il gruppo “Pantera Rosa” ha aderito al circuito del “Fosso” nel 2008, ma quella di quest’anno sarà la dodicesima edizione dell’ormai tradizionale “Cinque Miglia degli Angeli”, perché preceduta da una “Cinque Miglia degli Angeli edizione zero”, un’edizione di prova della manifestazione: “Il nostro ingresso nel mondo del “Fosso” è avvenuto in maniera quasi casuale – ha spiegato sempre Duci – Vista l’evoluzione che negli anni ha interessato la corsa su strada abbiamo maturato il concetto di partecipare alle gare organizzate dalle altre società, ma ci siamo resi conto che è bello anche organizzare qualcosa, e ci sembrava giusto darci da fare. Così abbiamo contattato alcuni amici che già organizzavano una propria tappa nel circuito, abbiamo buttato lì l’idea e la nostra idea si è concretizzata”.
E si può dire che si sia concretizzata con successo, dal momento che dal 2008 a questa parte la “Cinque Miglia degli Angeli” è sempre stata un appuntamento fisso per gli amanti del “Fosso”: “Molti, anche i podisti provenienti dalla Bassa, si complimentano con noi per il percorso della nostra manifestazione, che è rimasto invariato negli anni – ha affermato orgoglioso Duci – La nostra gara consta in tre giri ondulati nel centro abitato. Ogni giro attraversa il centro storico del paese e questo piace molto agli atleti. La scorsa edizione è stata in un certo senso speciale, perché abbiamo organizzato per la prima volta la tappa inaugurale del “Fosso”, e l’abbiamo fatto in un giorno che per noi significa molto: il 25 aprile. Abbiamo così festeggiato i 40 anni del nostro gruppo e al contempo inaugurato il “Fosso” 2017, è stata una giornata ricca di allegria. Anche quest’anno toccherà a noi aprire le danze, o meglio, le corse, speriamo di mantenere i nostri standard organizzativi e se possibile migliorarci per la gioia di tutti i partecipanti”.

I volontari della “Pantera Rosa” al termine dell’edizione 2017 della “Cinque Miglia degli Angeli”